martedì 19 novembre 2013

Staccarsi da Google: come?

Nella puntata precedente vi ho illustrato alcune motivazioni secondo le quali, almeno a mio avviso, sarebbe opportuno allontanarsi un po' dall'ecosistema Google. Condivisibili o meno, le motivazioni portavano però a un'inevitabile altra domanda che, tra i commenti, qualcuno ha effettivamente fatto.

Posso anche volermi staccare da Google, ma come faccio?

Inizio con una brutta notizia. Attualmente per avere TUTTI i servizi offerti in modo gratuito (sto considerando il punto di vista economico dando per scontato che se avete letto l'altro articolo di questa serie sapete che di gratis non c'è nulla) da Google su una piattaforma personale o comunque non-Google è necessario pagare. La cosa positiva è che in pochi utilizzano attivamente tutti i servizi offerti da Google quindi c'è un'alta probabilità che questo articolo vi torni comunque utile, quand'anche fosse solo per staccarsi un pochino e non definitivamente.

Smartphone
Visto che siamo in vena di brutte notizie (poi l'articolo migliora, promesso!) vi dico subito che non è facile staccarsi da Google sugli smartphone, sopratutto se siete abituati ad alcune interfacce e a un particolare flusso di lavoro. Ma siete #magliettebianche anche voi, no? Dove sta il problema nel provare qualcosa di nuovo? La prima operazione da fare, in questo senso, è installare F-Droid, una sorta di Play Store contenente però solamente applicazioni FOSS (quindi Free e Open Source). Da qui vediamo un po' con cosa possiamo rimpiazzare alcune applicazioni proprietarie made-in-Google (il consiglio comunque è di farvi un giro nel catalogo di F-Droid, più ricco nell'applicazione rispetto a quanto potete vedere dal sito, e scaricare il mondo. E provate i giochi che ce ne sono di bellissimi!).

Partiamo con la classica GMail e iniziamo a vedere le buone notizie: il client che vi suggerisco infatti non solo ha un'interfaccia simile a quella dell'applicazione di Google, ma anche parecchie funzioni utili come il supporto alla gestione di più account, il supporto al protocollo Exchange (che per quanto possa non piacere è ancora utilizzato in molte aziende), la possibilità di importare ed esportare le proprie impostazioni e, ovviamente (ma non troppo), la possibilità di scegliere tra POP, IMAP e Push IMAP. Il suo nome è K-9 Mail e anche nel caso in cui non vi interessa la questione Google/non-Google dovreste provarlo.
Come browser web (sia mobile che desktop, mi permetto di sottolinearlo) c'è una sola alternativa (che poi, ad essere sinceri, tanto alternativa non è, ma la prima scelta): Firefox. Su alcuni device Android ancora qualche problema c'è, ma provatelo e molto probabilmente non ne rimarrete delusi, sopratutto perché, se ho letto bene, stanno arrivando degli interessanti miglioramenti anche per quanto riguarda l'interfaccia.
Ora un'affermazione controversa: secondo me il software che vi sto per suggerire è nettamente migliore della controparte Google. Mi riferisco a ciò che utilizzo (e consiglio) per rimpiazzare Maps, ovvero OsmAnd. Prima di guardare gli screenshot e criticarlo, provatelo. Da scettico (sopratutto perché tifoso delle interfacce fatte bene) dopo il trauma iniziale sono diventato un avido utilizzatore di questa applicazione non solo per la sua effettiva bontà (utilizza le mappe di Open Street Maps, una sorta di garanzia), ma anche per la sua maggiore stabilità rispetto alla controparte Google (che per un navigatore è essenziale).

Vi vorrei anche consigliare vere e proprie alternative ad Android, magari un po' più Free e Open, ma attualmente l'unica alternativa in commercio è FirefoxOS che risulta però essere ancora molto acerbo e provandolo oggi il rischio è solo quello di farsi una brutta opinione. Replicant purtroppo è disponibile solamente per pochi device (e nessuno supportato al 100% mi risulta) e siamo in attesa di Ubuntu per capire se potremmo mai avere effettivamente un sistema GNU/Linux su smartphone.

Cloud
Ho detto che l'articolo mano a mano diventerà sempre più rosa e fiori, vero? Per quanto riguarda un modo di sostituire Google Drive (non Google Docs, attenzione!) l'opzione migliore (secondo me anche migliore dello stesso Drive in quanto a funzioni e utilità) è OwnCloud. Il "problema" è che questo software va installato e mantenuto o, a scelta, è necessario acquistare un'istanza da qualcuno dei rivenditori per non dover mettere mano al server su cui è installato. È possibile anche rinunciare a un pochino di spazio e godere di tutte le funzioni di OwnCloud usando un servizio come OwnDrive che, gratuitamente e per sempre, vi offre 1GB di spazio con OwnCloud. Ma, concretamente, perché usare questo software? Semplice, perché con esso non avete solamente un rimpiazzo per Drive dove caricare i vostri documenti e condividerli con chi volete, ma potete anche sfruttare i vari moduli per far diventare OwnCloud esattamente come vi serve, dall'aggiunta di un lettore di Feed RSS (come fu Google Reader) all'organizzazione dei vostri contatti. Penso che a breve verrà introdotta anche l'opzione per fare un cappuccino macchiato freddo con zucchero di canna.

GMail
Uno dei primi servizi offerti da Google è anche uno tra i più utilizzati ancora oggi. Il motivo non si fa fatica a comprendere: un ottimo filtro antispam unito a uno spazio praticamente illimitato, il tutto al costo di 0€. Staccarsi da GMail in favore di qualcosa di un po' più privato (e per le mail direi che è il caso di pensarci bene) non è così facile come si può pensare dopo aver visto la vasta schiera di servizi simili disponibili sulla rete. Mi sento però di dirvi che pochissimi, tra questi, sono davvero migliori di GMail dal punto di vista della privacy, dunque l'utilità di fare tale transizione è praticamente pari a zero sotto i punti di vista presi in esame in questi articoli. La scelta migliore in questo caso sarebbe mettere tutto sul proprio server, ma soluzioni simili (specialmente quando si tratta di servizi mail) sono difficilmente praticabili, sopratutto per chi non vuole spendere ore e ore a costruirsi le competenze necessarie. Ci vengono incontro però i ragazzi di Autistici/Inventati, un gruppo di persone che si (s)batte per la difesa della privacy (e non solo) offrendo servizi informatici liberi, gratuiti e rispettosi della privacy.

Avere una casella di posta sui nostri server significa poter esercitare una maggior tutela della propria privacy, evitando di dare i propri dati personali e relazionali in pasto a qualche multinazionale o a qualche provider commerciale, grazie all'uso di strumenti che il server mette a disposizione per questo, come la cifratura SSL delle vostre connessioni con A/I.
Persone come queste vanno solamente ringraziate e sono contento di poter promuovere un po' questo servizio. Fate un giro qui e toccate con mano la qualità del loro servizio mail, vedrete che una volta provato vi verrà difficile anche solo pensare di non donare loro qualche euro per continuare a tenere in piedi questo baluardo di libertà nella rete.

Google Search
Eccoci, finalmente, alla paperella d'inizio articolo che regala davvero tantissime soddisfazioni quando la si inizia ad usare stabilmente. Sto parlando di Duck Duck Go, il motore di ricerca che, secondo me, è nettamente superiore a Google non solo nel garantire una privacy assoluta all'utente che ne fa uso, ma  offre anche diverse funzioni interessanti. Esempi? Guardate qui. Non siete contenti? Sappiate che utilizzando Duck Duck Go avrete nelle vostre mani la potentissima arma chiamata !Bang, uno strumento utilissimo in grado di farvi trovare ciò che cercate in men che non si dica (senza per questo precludervi alcuni risultati come fa qualcuno di nostra conoscenza...). Non vi basta? Beh, considerate che senza problemi potete configurare Duck Duck Go un po' come vi pare (sia a livello di funzionalità abilitate/disabilitate che dal punto di vista estetico) e forse inizierete a capire come mai mi piace tanto questo motore di ricerca. Provatelo!

~

Un'ultima nota: nell'articolo menziono alcuni servizi da me testati o in linea con le mie preferenze. Non significa che non ve ne siano altri altrettanto buoni se non migliori. Ho dimenticato qualcosa? Avete altro da suggerire? Scrivetelo nei commenti e state pur certi che lo proverò!